Il mio nome è Mauro, nasco a Torino nell’oramai discretamente lontano 1965 dove risiedo con Patrizia, Camilla e Vittoria, mie inseparabili compagne di viaggio.

Il mio primo incontro con le filosofie orientali e in particolar modo con il Buddismo risale al 1990 e da allora, senza interruzioni, è proseguito felicemente fino ad oggi.

La Scuola di Nichiren Daishonin, la meditazione Vipassana e lo Zazen sono nell’ordine le pratiche che ho seguito senza che mai una escludesse l’altra, semplicemente permettendo alla mia vita di seguire la strada più in sintonia con ogni suo diverso momento, convinto che la diversità costituisca ricchezza e non svilimento delle singole esperienze.

Qualcuno scrisse “Non esiste il tempo perso, ogni tempo lo abbiamo dedicato a ciò in cui abbiamo creduto e, giusto o sbagliato che sia, ci ha sempre insegnato qualcosa.”

Tempo fa un’amica mi definì “Podista spirituale”, una definizione nella quale mi riconosco molto, immaginando un podista come un uomo sempre in cammino che, pur privo di una meta precisa, ne gusta semplicemente e consapevolmente il gesto e il percorso, esattamente come dovrebbe avvenire in un percorso spirituale, dove la meta costituisce spesso un allontanamento e un inconscio rifiuto del momento presente

Leggo e studio di tutto ma se dovessi dire a quali Maestri faccio riferimento, i primi nomi, anche se non certo gli unici, che dovrei fare sono il Dalai Lama, Thich Nhat Hanh ed Eckart Tolle (negli ultimi anni soprattutto quest’ultimo ha assunto progressivamente un ruolo di grande importanza nella mia vita), grandi anime delle quali invito a studiare gli scritti (alcuni di questi li trovate consigliati in una delle sezioni del sito), ognuno di questi in grado di cambiare la vita di chi li incontra.

Mi auguro che questo sito possa rappresentare per ognuno di voi un luogo dove fare una esperienza di pace, serenità e profondo incontro con sé stessi.

Scrive Eckart Tolle in “Un nuovo mondo”: Questo libro non è interessante. Interessante significa che potete mantenere le distanze, giocare mentalmente con le idee e con i concetti. Invece questo libro si occuperà di voi, o cambierà il vostro stato di coscienza o non avrà significato alcuno. Può risvegliare solo chi è pronto.”

Ecco, vorrei che la navigazione in questo sito, fatte ovviamente le debite differenze con un grande Maestro con il quale non ho certo la pretesa di essere accomunato, rappresentasse per ognuno di voi una esperienza simile.

Namastè.